Russian Bells

Per quartetto di saxofoni e organo

RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.vaguesquartet.com/russian-bells">
Twitter

Saxofoni

  • Andrea Mocci
  • Francesco Ronzio
  • Mattia Quirico
  • Salvatore Castellano

Organo

  • Giovanni Solinas

Scarica la scheda tecnica

Nato grazie alla preziosa collaborazione con l’organista algherese Giovanni Solinas, Kirchenmusiker presso la Pfarrkirche St. Cornelius in Dülken, Germania, il Vagues Saxophone Quartet “Organ Project” è uno spettacolo sonoro di una bellezza unica.

L’unione di due strumenti così lontani ma così affini, l’organo e il saxofono, agli antipodi nell’immaginario comune non solo per la storia che li separa, ma perché gli strumenti forse più caratteristici di ambienti sociali profondamente opposti, quello dell’istituzione religiosa e quello del profano dalle sonorità più lussureggianti, eppure così vicini, entrambi strumenti caratterizzati dall’”aria” e dalle “ance”.

A proposito di Russian Bells:

La tradizione sacra russa non prevede l’impiego di strumenti altri che la voce in chiesa e le campane fuori dal tempio. Sembrerebbe poca cosa finché non si assiste ad uno zvon come si definisce in russo la scampanata di un coro di campane , piccole e grandi, che precede o chiude un servizio liturgico.

A Ganina Yama in un recinto consacrato ci sono sette chiese con i relativi cori di campane e ascoltare i loro rintocchi che si sommano e si richiamano nei modi più casuali è stata una bella esperienza musicale. Con il mio Russian bells ho voluto in qualche modo far rivivere quella situazione con strumenti , sassofoni e organo, che nulla hanno a che vedere con la fisica sonora delle campane, ho quindi mirato più a ricrearne l’atmosfera emotiva e la suggestione che il reale suono.

Da una esplosione sonora iniziale, le campane ci sorprendono sempre al loro primo apparire, sono passato all’articolazione dei cori, a quel risuonare di piccole melodie che si seguono e si sommano per poi passare dopo una fragorosa accumulazione ad una terza parte . E’ l’aspetto più suggestivo del suono delle campane: quando, dopo che hanno suonato, lasciano nell’aria la loro vibrazione, un ricordo che solo lentamente affievolisce e sopisce portando cone se un senso di pace e benessere quale che sia la latitudine o il credo al quale chi ascolta appartiene.

Paolo Ugoletti

 

 

Programma:

 

 

Enjott Schneider – Crucifixus (20’)

Toccata

Adagio

Marcia Funebre

 

Paolo Ugoletti – Russian Bells (10’)

 

Barbara Thompson – 4 Mirages (20’)